MENU

Elezioni 2020 e l’obiettivo Cina

Katie Deal , Washington Analyst,
U.S. Equity Division

La pandemia riaccende le tensioni su questioni chiave.

In seguito allo scoppio del coronavirus, le nuove tensioni tra USA e Cina hanno “interrotto” la delicata tregua raggiunta con la Fase 1 dell’accordo commerciale – ha bloccato l’escalation delle tariffe e ha offerto alcune riforme incrementali alle pratiche del mercato cinese. Con la crisi, figlia del COVID-19, l’amministrazione Trump non ha più potuto far leva sull’espansione economica nella sua campagna elettorale. Così, la Casa Bianca e il Partito Repubblicano hanno trovato nella Cina un efficace obiettivo politico. Anche se Pechino è stata un “avversario strategico” per tutto il suo mandato, ora l’amministrazione Trump vede nella retorica anti-Cina una strategia chiave per mantenere gli elettori. Di conseguenza, gli investitori stanno riconsiderando la sicurezza dell’accordo commerciale di Fase 1 – e si chiedono quali altre normative potrebbero arrivare.

Affrontare una battaglia su più fronti in un mondo sempre più protezionista

L’amministrazione Trump è intervenuta di recente in tre aree politiche chiave legate alla Cina: tecnologia critica, sicurezza nazionale e protezionismo economico. La tecnologia critica, una preoccupazione di lunga data nella relazione tra USA e la Cina, ha ottenuto una rinnovata attenzione. Data la concorrenza nelle tecnologie all’avanguardia come il 5G, gli Stati Uniti hanno perseguito politiche per proteggere e incentiveranno il dominio industriale della prossima generazione, affrontando allo stesso tempo importanti problemi di sicurezza nazionale.

… le rinnovate tensioni tra Stati Uniti e Cina hanno interrotto la delicata tregua raggiunta durante la tenue Fase 1 dell’accordo commerciale…

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha recentemente adottato normative volte a proteggere le catene di approvvigionamento di tecnologie come i semiconduttori dalle interferenze del governo cinese. Queste regole, combinate con restrizioni più severe per il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, inviano un chiaro segnale: gli Stati Uniti continueranno a imporre politiche per avere un vantaggio tecnologico critico sulla Cina. Nel frattempo, il Congresso ha introdotto diversi progetti di legge per rispondere da un lato alla gestione iniziale da parte della Cina dell’epidemia da coronavirus e dall’altro lato ai recenti provvedimenti presi su Hong Kong, che includono: un atto di risarcimento e sanzioni contro i funzionari, una legislazione che rimuove l’immunità sovrana della Cina contro le cause legali, e una nuova legislazione che affronta l’erosione dell’autonomia a Hong Kong e le protezioni sostenute dal Tibet. Sebbene poche possano diventare legge, queste leggi indicano una chiara tendenza legislativa che probabilmente continuerà ben oltre il 2020.

Il “reshoring” della supply chain raccoglie consensi

Inoltre, il coronavirus ha riacceso il dibattito sul “reshoring” (rilocalizzazione) delle catene di approvvigionamento, a cominciare da quelle fondamentali per combattere COVID-19. Il Congresso e la Casa Bianca stanno sviluppando pacchetti di incentivi per incoraggiare alcuni produttori di dispositivi di protezione individuale e altre forniture mediche a riportare la produzione negli Stati Uniti, e per attirare una più ampia fascia di produzione industriale. Un processo che richiederà decenni di supporto governativo continuo e pianificazione strategica da parte delle aziende, indipendentemente dal settore. Ci aspettiamo che il dibattito prosegua anche nella prossima amministrazione, a prescindere da chi vinca le elezioni.

Possibile il delisting di alcune aziende

Gli Stati Uniti hanno identificato i mercati finanziari come un campo di battaglia contro la Cina – per ragioni di sicurezza nazionale e di apertura del mercato. Per anni, il Public Company Accounting Oversight Board (PCAOB) ha segnalato le “China-Related Access Challenges” (sfide di accesso legate alla Cina) che hanno ostacolato la capacità dell’agenzia di ottenere un “accesso completo e tempestivo” per le ispezioni e le indagini delle società pubbliche cinesi.

Indipendentemente dal partito che controllerà la Casa Bianca nel 2021, è probabile che le relazioni tra USA e Cina continueranno a peggiorare…

Nel tentativo di rafforzare la capacità degli Stati Uniti di controllare queste società, il Senato ha approvato il Holding Foreign Companies Accountable Act (HFCA), che da un lato impone alle società pubbliche di dichiarare se sono “possedute o controllate da un governo straniero”, come il Partito Comunista Cinese, e dall’altro dà alle società tre anni di tempo per conformarsi agli “audit” del PCAOB – il rischio è il delisting dai mercati USA. Dopo mesi di sforzi per “rivedere” gli investimenti federali USA a fini pensionistici nelle azioni cinesi, il Senato ha approvato all’unanimità il HFCA. Il disegno di legge è in attesa di esame presso la Camera dei rappresentanti. Sebbene il futuro del provvedimento sia incerto, i membri chiave del Congresso sono impegnati ad aumentare i profili di rischio normativo delle aziende cinesi.

Più tensioni all’orizzonte

Indipendentemente da chi vincerà le elezioni USA, è probabile che le relazioni tra Stati Uniti e Cina andranno peggiorando, con Pechino in particolare che cercherà di proteggere i propri interessi con una linea più dura. Anche se la raffica di azioni contro la Cina da parte del governo USA potrebbe essere stata generata dalla politica del coronavirus, le criticità emerse difficilmente svaniranno nel breve. Anzi, potrebbero essere al centro del prossimo round di negoziati – diplomatici o economici – tra Stati Uniti e Cina.

202006-1214173

Registrati per ricevere le nostre view sull’azionario americano

Condividi l’articolo:

Share on linkedin
Share on email
Elezioni 2020
Gli ultimi avvenimenti politici e le possibili implicazioni sugli investimenti visti dalla nostra analista di politica americana a Washington.

Informazioni importanti

Questo materiale è fornito a scopo esclusivamente informativo e/o di marketing. Questo materiale non costituisce né si prefigge di fornire una consulenza di alcun genere, neppure in materia di investimento fiduciario, né é destinato a servire come base primaria per una decisione di investimento. Si consiglia ai potenziali investitori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. Le societá del gruppo T Rowe Price, incluse T. Rowe Price Associates, Inc. e/o sue affiliate, ottengono ricavi dai prodotti e servizi di investimento T. Rowe Price. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento e l’eventuale reddito da esso derivante possono aumentare o diminuire. Gli investitori possono ottenere un importo inferiore rispetto a quello investito.

Il presente materiale non costituisce distribuzione, offerta, invito, raccomandazione o sollecitazione personale o generale all’acquisto o alla vendita di titoli in alcuna giurisdizione, né allo svolgimento di qualsiasi attivitá di investimento specifica. I contenuti del presente materiale non sono verificati da alcuna autoritá di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Le informazioni e le opinioni qui presentate sono state ottenute o tratte da fonti ritenute affidabili e aggiornate; tuttavia, non siamo in grado di garantirne l’accuratezza né l’esaustività. Non vi è alcuna garanzia che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri qui contenuti sono espressi alla data indicata sul materiale e sono soggetti a cambiamento senza preavviso; questi pareri possono differire da quelli di altre società del gruppo T. Rowe Price e/o di loro associate. Il materiale non dovrà essere, in nessun caso, copiato né ridistribuito, in tutto o in parte, in assenza del consenso di T. Rowe Price.

Il materiale non è destinato ad essere utilizzato da persone che siano in giurisdizioni che vietino o limitino la distribuzione del materiale e in alcuni paesi tale materiale è fornito solo su richiesta specifica.

Il presente documento non è finalizzato alla distribuzione ai clienti retail in alcuna giurisdizione.

Italia — Se non diversamente indicato questo materiale é distribuito e approvato da T. Rowe Price (Luxembourg) Management S.à r.l. 35 Boulevard du Prince Henri L-1724 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier lussemburghese. Riservato ai clienti professionali.

© 2020 T. Rowe Price. Tutti diritti riservati. T.ROWE PRICE, INVEST WITH CONFIDENCE e l’immagine della pecora delle montagne rocciose sono, separatamente e/o collettivamente, marchio e marchi registrati di T.Rowe Price Group Inc.

La nostra gamma completa di fondi azionari americani

Ti potrebbe interessare anche..

Grazie per la registrazione, riceverai i nostri aggiornamenti dedicati all'azionario americano all'indirizzo email indicato.

Nel frattempo puoi accedere alla sezione sulle nostre view.

Avvertenza legale importante

Il presente sito è rivolto agli intermediari finanziari.

Ho letto le condizioni illustrate di seguito e confermo di essere un intermediario finanziario e di voler proseguire.

Accedendo al presente sito web l’utente autorizza T. Rowe Price a raccogliere informazioni tramite cookies. Per maggiori informazioni si invita a leggere la nostra politica sui cookie.

Le informazioni contenute nel sito web di T. Rowe Price non sono rivolte agli investitori nelle giurisdizioni in cui la distribuzione o l’acquisto non siano autorizzate, inclusa la giurisdizione del lettore della presente informativa, ove applicabile. Le informazioni ivi contenute non sono ad esempio destinate alla distribuzione e non costituiscono un’offerta a vendere o acquistare né una sollecitazione di qualsiasi offerta ad acquistare alcun titolo negli Stati Uniti d’America per o a vantaggio di soggetti statunitensi.

Le informazioni ottenute tramite il presente sito riguardano specificatamente coloro che hanno accettato i presenti Termini e condizioni e non possono essere ridistribuite senza la preventiva autorizzazione dell’Ufficio legale di T. Rowe Price.

Le informazioni sono destinate agli investitori professionisti, inclusi intermediari finanziari o esponenti dei media, e vengono pubblicate a solo scopo informativo. In particolare le informazioni servono unicamente a informare coloro che rientrano in una o più delle seguenti categorie:

(a) ente governativo;
(b) banca o compagnia assicurativa;
(c) fondo pensione o di beneficenza;
(d) persone le cui attività ordinarie le coinvolgono in qualità di responsabili o agenti nell’acquisizione, detenzione, gestione o disposizione di investimenti ai fini degli affari da esse svolti o per le quali è ragionevole presumere che provvederanno ad acquisire, gestire o disporre investimenti ai fini di tali affari;
(e) persone la cui attività ordinaria comporta l’erogazione di consulenza che potrebbe condurre a un’altra persona che acquisisce o dispone di un investimento o che si trattiene dal farlo;
(f) rappresentanti di media per informazioni societarie e di base su T. Rowe Price.

Coloro che non rientrano in una delle categorie precedenti non dovrebbero agire in virtù delle informazioni qui contenute.

Determinate persone possono avere accesso alle informazioni riguardanti T. Rowe Price Funds SICAV, una società d’investimento di diritto lussemburghese costituita come “Société d’Investissement à Capital Variable” (SICAV). I comparti di T. Rowe Price Funds SICAV di cui al sito sono offerti esclusivamente mediante il corrente prospetto. Il prospetto contiene informazioni più dettagliate sui comparti, inclusi obiettivi d’investimento, commissioni e spese. Tuttavia il prospetto e le altre informazioni riguardanti i comparti non saranno intenzionalmente distribuiti a persone di alcun paese in cui tale distribuzione violerebbe le leggi o le normative locali.

Société Générale Securities Services S.p.A (Italia) è l’agente pagatore dei comparti della SICAV ammessi alla distribuzione pubblica in o dall’Italia. 

I rendimenti passati di T. Rowe Price Funds SICAV e di altri titoli non costituiscono un’indicazione per i rendimenti futuri. Il valore dei titoli e qualsiasi provento da essi generato potrebbero diminuire o aumentare. Le variazioni dei tassi di cambio possono altresì avere effetti negativi sul valore, sul prezzo o sul rendimento dei titoli. Gli investitori devono inoltre essere consapevoli dei rischi aggiuntivi legati agli investimenti nei mercati emergenti, in titoli high yield e nelle società di minori dimensioni.

Le presenti informazioni non costituiscono una consulenza d’investimento e i prodotti descritti potrebbero non essere disponibili per o adatti a tutti gli investitori. Sarebbe opportuno, ove necessario, avvalersi di una consulenza professionale indipendente prima di qualsiasi decisione d’investimento.

Il presente materiale è distribuito e approvato da T. Rowe Price (Luxembourg) Management S.à r.l. 35 Boulevard du Prince Henri L-1724 Lussemburgo autorizzata e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier lussemburghese.