MENU

La spesa federale sarà un catalizzatore per i titoli industriali

Katie Deal , Associate Analyst

L’entità della spesa federale futura necessaria per sostenere l’economia, con particolare riferimento al piano infrastrutturale, avrà importanti implicazioni per il settore industriale.

Dopo aver approvato il Tax Cuts e il Jobs Act, il Presidente Donald Trump ha pubblicato un piano per le infrastrutture che però non ha mai portato a una vera e propria legislazione. Se Trump dovesse essere rieletto potrebbe spingere per un pacchetto mirato a migliorare il trasporto in superficie – misure per riparare strade e ponti – insieme ad aeroporti e altre infrastrutture critiche. Il candidato democratico ed ex Vice Presidente Joe Biden, al contrario, ha un piano ambizioso non solo per finanziare le infrastrutture tradizionali, ma anche per dare un sostegno concreto all’energia pulita e all’efficienza energetica.

Se attuati, i piani espansivi di Biden potrebbero favorire il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di gas serra – un trend secolare che interesserebbe le aziende specializzate in compressori d’aria, ferrovie, aerei commerciali, veicoli elettrici e gas industriali.

Il piano definitivo di entrambi i candidati, comunque, dipenderà fortemente dagli equilibri al Senato.

Jason Adams, Gestore di portafoglio della Global Industrials Equity Strategy ritiene che, indipendentemente da chi vincerà le elezioni, un disegno di legge sulle infrastrutture rappresenterà un “boost” per i macchinari e le società di costruzioni.

Il piano infrastrutturale definitivo di entrambi i candidati dipenderà dagli equilibri al Senato.

Politica commerciale

Le politiche commerciali del prossimo Presidente avranno importanti implicazioni sulle società industriali, che tipicamente vendono all’estero e gestiscono catene di approvvigionamento globali. Entrambi i candidati hanno adottato un approccio rigido contro la Cina, nonostante abbiano strategie e obiettivi differenti.

Durante il suo primo mandato, Trump ha provato a ridurre il deficit commerciale degli USA attraverso dazi punitivi, creando però una maggiore incertezza, un controllo normativo stringente e maggiori costi per le società industriali che operano con le multinazionali. A nostro avviso, qualora i repubblicani venissero rieletti, le tensioni commerciali con la Cina si potrebbero intensificare. Allo stesso tempo, Trump potrebbe anche cercare di ridefinire le relazioni commerciali USA-UE, aumentando il rischio di ulteriori tariffe.

Tutti i segnali suggeriscono che, in qualità di Presidente, Biden potrebbe assumere una posizione ancora più dura nei confronti diPechino, in particolare sulle pratiche di mercato e sulle questioni relative ai diritti umani. Nonostante ciò, è probabile che il candidato democratico cerchi anche alleanze multilaterali, con leve commerciali che ridefiniscano la relazione USA-Cina.

Il “rimpatrio” dell’industria americana

Le sfide che gli Stati Uniti hanno dovuto affrontare nell’approvvigionamento di attrezzature mediche e dispositivi di protezione individuale, indispensabili per affrontare l’inattesa pandemia, hanno messo in evidenza la necessità del Paese di disporre di forniture sicure e accessibili in tempi di crisi. Questi timori sulla sicurezza delle catene di approvvigionamento potrebbero rafforzare la politica intrapresa da Trump di un “rimpatrio” dell’industria americana attraverso dazi e crediti d’imposta. Inizialmente, gli sforzi potrebbero essere concentrati sulle catene di approvvigionamento dell’ healthcare e della tecnologia, per poi essere estese nel tempo al settore industriale. Anche Biden ha espresso il suo sostegno per l’on shoring. “E se le catene di approvvigionamento dovessero continuare a essere localizzate, a beneficiarne sarebbe l’automazione industriale”, afferma Adams.

E se le catene di approvvigionamento dovessero continuare a essere localizzate, a beneficiarne sarebbe l’automazione industriale”

Regolamentazione ambientale

Gli sforzi di deregolamentazione del Presidente Trump hanno rimosso e indebolito le norme ambientali, riducendo i costi di conformità per alcune aziende manifatturiere USA e per l’industria pesante. Qualora il tycoon dovesse assicurarsi un secondo mandato, è probabile che questa tendenza continui.

L’amministrazione Biden, invece, cambierebbe completamente direzione, rendendo le norme ambientali ancora più severe di quelle implementate dall’ex Presidente Barack Obama. Per esempio, il candidato democratico ha sostenuto la classificazione dei composti chimici perfluoralalchilici e polifluoralchilici (PFAS, collettivamente) come “sostanze pericolose”. Designazione che richiederebbe dei limiti da applicare sulla loro presenza nell’acqua potabile e che quindi introdurrebbe sul mercato dei costi di bonifica per coloro che inquinano.

Al di là del risultato delle presidenziali, Adams ritiene che i titoli industriali potrebbero trarre beneficio “una volta che l’attenzione degli investitori si sposterà sul futuro ciclo economico” e cita anche la possibilità di una crescita sincronizzata delle economie chiave”come catalizzatore potenzialmente positivo per il settore”

Registrati per ricevere le nostre view sull’azionario americano

Condividi l’articolo

Share on linkedin
Share on email
Elezioni 2020
Gli ultimi avvenimenti politici e le possibili implicazioni sugli investimenti visti dalla nostra analista di politica americana a Washington.

Informazioni importanti

Esclusivamente per clienti professionali. Ulteriore diffusione non ammessa.

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento.

Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l’intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Se non diversamente indicato questo materiale é distribuito e approvato da T. Rowe Price (Luxembourg) Management S.à r.l. 35 Boulevard du Prince Henri L-1724 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier lussemburghese. Riservato ai clienti professionali.

© 2020 T. Rowe Price. Tutti diritti riservati. T.ROWE PRICE, INVEST WITH CONFIDENCE e l’immagine della pecora delle montagne rocciose sono, separatamente e/o collettivamente, marchio e marchi registrati di T.Rowe Price Group Inc.

202010-1365641

Ti potrebbe interessare anche..

Guarda la nostra offerta di fondi US Equity

Grazie per la registrazione, riceverai i nostri aggiornamenti dedicati all'azionario americano all'indirizzo email indicato.

Nel frattempo puoi accedere alla sezione sulle nostre view.

Avvertenza legale importante

Il presente sito è rivolto agli intermediari finanziari.

Ho letto le condizioni illustrate di seguito e confermo di essere un intermediario finanziario e di voler proseguire.

Accedendo al presente sito web l’utente autorizza T. Rowe Price a raccogliere informazioni tramite cookies. Per maggiori informazioni si invita a leggere la nostra politica sui cookie.

Le informazioni contenute nel sito web di T. Rowe Price non sono rivolte agli investitori nelle giurisdizioni in cui la distribuzione o l’acquisto non siano autorizzate, inclusa la giurisdizione del lettore della presente informativa, ove applicabile. Le informazioni ivi contenute non sono ad esempio destinate alla distribuzione e non costituiscono un’offerta a vendere o acquistare né una sollecitazione di qualsiasi offerta ad acquistare alcun titolo negli Stati Uniti d’America per o a vantaggio di soggetti statunitensi.

Le informazioni ottenute tramite il presente sito riguardano specificatamente coloro che hanno accettato i presenti Termini e condizioni e non possono essere ridistribuite senza la preventiva autorizzazione dell’Ufficio legale di T. Rowe Price.

Le informazioni sono destinate agli investitori professionisti, inclusi intermediari finanziari o esponenti dei media, e vengono pubblicate a solo scopo informativo. In particolare le informazioni servono unicamente a informare coloro che rientrano in una o più delle seguenti categorie:

(a) ente governativo;
(b) banca o compagnia assicurativa;
(c) fondo pensione o di beneficenza;
(d) persone le cui attività ordinarie le coinvolgono in qualità di responsabili o agenti nell’acquisizione, detenzione, gestione o disposizione di investimenti ai fini degli affari da esse svolti o per le quali è ragionevole presumere che provvederanno ad acquisire, gestire o disporre investimenti ai fini di tali affari;
(e) persone la cui attività ordinaria comporta l’erogazione di consulenza che potrebbe condurre a un’altra persona che acquisisce o dispone di un investimento o che si trattiene dal farlo;
(f) rappresentanti di media per informazioni societarie e di base su T. Rowe Price.

Coloro che non rientrano in una delle categorie precedenti non dovrebbero agire in virtù delle informazioni qui contenute.

Determinate persone possono avere accesso alle informazioni riguardanti T. Rowe Price Funds SICAV, una società d’investimento di diritto lussemburghese costituita come “Société d’Investissement à Capital Variable” (SICAV). I comparti di T. Rowe Price Funds SICAV di cui al sito sono offerti esclusivamente mediante il corrente prospetto. Il prospetto contiene informazioni più dettagliate sui comparti, inclusi obiettivi d’investimento, commissioni e spese. Tuttavia il prospetto e le altre informazioni riguardanti i comparti non saranno intenzionalmente distribuiti a persone di alcun paese in cui tale distribuzione violerebbe le leggi o le normative locali.

Société Générale Securities Services S.p.A (Italia) è l’agente pagatore dei comparti della SICAV ammessi alla distribuzione pubblica in o dall’Italia. 

I rendimenti passati di T. Rowe Price Funds SICAV e di altri titoli non costituiscono un’indicazione per i rendimenti futuri. Il valore dei titoli e qualsiasi provento da essi generato potrebbero diminuire o aumentare. Le variazioni dei tassi di cambio possono altresì avere effetti negativi sul valore, sul prezzo o sul rendimento dei titoli. Gli investitori devono inoltre essere consapevoli dei rischi aggiuntivi legati agli investimenti nei mercati emergenti, in titoli high yield e nelle società di minori dimensioni.

Le presenti informazioni non costituiscono una consulenza d’investimento e i prodotti descritti potrebbero non essere disponibili per o adatti a tutti gli investitori. Sarebbe opportuno, ove necessario, avvalersi di una consulenza professionale indipendente prima di qualsiasi decisione d’investimento.

Il presente materiale è distribuito e approvato da T. Rowe Price (Luxembourg) Management S.à r.l. 35 Boulevard du Prince Henri L-1724 Lussemburgo autorizzata e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier lussemburghese.